CCNL Metalmeccanica: al via agli aumenti

Dettagli Importanti: A partire dal mese di giugno 2024, le retribuzioni minime per i lavoratori del settore metalmeccanico saranno adeguate secondo l’indice Ipca-Nei 2023, che si attesta al 6,9%.

Incrementi delle Retribuzioni: Ecco alcuni degli incrementi previsti:

D1: Da € 1.608,67 a€ 1.719,67 (+€ 111,00)

D2: Da € 1.783,90 a € 1.906,99 (+€ 123,09)

C1: Da € 1.822,43 a€1.948,18 (+€ 125,75)

C2: Da € 1.860,97 a€ 1.989,38 (+€ 128,41)

C3: Da € 1.993,04 a € 2.130,56 (+€ 137,52)

B1: Da € 2.136,25 a € 2.283,65 (+€ 147,40)

B2: Da € 2.291,85 a € 2.449,99 (+€ 158,14)

B3: Da € 2.558,63 a € 2.735,18 (+€ 176,55)

A1: Da € 2.619,93 a € 2.800,71 (+€ 180,78)

Clausola di Salvaguardia: Questo adeguamento è garantito da una clausola inserita nel rinnovo del CCNL del comparto metalmeccanico, assicurando retribuzioni al passo con l’inflazione.

Cerchi personale?

Se sei un’azienda o cerchi personale i nostri Professionisti sono a Tua disposizione noi di Job Italia possiamo aiutarti per segnalarti i candidati migliori e le selezioni di inquadramento contrattuale più corrette.

Vuoi candidarti?

Se non trovi quello che cerchi inviaci la tua candidatura spontanea!
Un nostro professionista sarà a tua disposizione per aiutarti a trovare l’offerta lavorativa giusta per te.

Leggi anche...
immagine
Interessi meno esosi per omesso versamento contributivo
Leggi
immagine
Bonus impianti di compostaggio, arriva il codice tributo per l’F24
Leggi
immagine
CCNL Metalmeccanica: al via agli aumenti
Leggi
immagine
Rapporto biennale sulla situazione del personale maschile e femminile
Leggi